lunedì 27 novembre 2017

RECENSIONE "ORGOGLIO E PREGIUDIZIO" di JANE AUSTEN

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Come state amici? Oggi vi racconto le mie impressioni su un libro che lessi tantissimi anni fa e di cui non avevo un buon ricordo, in effetti non avevo molti ricordi neanche per quanto riguarda la storia in se! A volte mi domando in che mondo io viva... :-/ 
Ma lasciam perdere e non poniamoci questa domanda, che è meglio!!!
Vi lascio al post così vi racconto quale è stato il mio viaggio nella campagna inglese, buona lettura!!!



TRAMA: Elisabeth Bennet è decisamente una ragazza fuori dal comune. Al contrario delle sue sorelle, non ama frequentare balli o aspirare al matrimonio conveniente. Elisabeth vuole esprimere la sua opinione senza essere costretta a sottostare alle regole dell'etichetta e non dover cercare, necessariamente il marito ideale. Tutto questo cambia nel momento in cui il burbero Mr Darcy fa ingresso nella sua vita, come una tempesta che travolge e poi porta "calma". Una storia d'amore, indubbiamente, che nasconde qualcosa di più.

Titolo: Orgoglio e pregiudizio
Autore: Jane Austen
Casa Editrice: Dea
Anno: 2016
Pag: 435
Prezzo: 9,90 euro




VALUTAZIONE:



Sono vissuta per più di dieci anni con la convinzione che Jane Austen non sarebbe stata una scrittrice che avrei apprezzato. Tutto questo per colpa di un vaghissimo ricordo di lettura di questo stesso libro ma in una versione degli anni 50 che era di mia nonna. 
Ebbene, sono stata veramente un'idiota! Tanto che ho deciso di leggere tutto quello che ha scritto la zia Jane, certo non uno dietro l'altro ma voglio farlo sicuramente.

Non credo di dovervi raccontare in breve la trama di un libro che, ormai, sono veramente in pochissimi a non aver letto. Per questo motivo passo direttamente a parlare di quello che il libro mi ha trasmesso e di come sia riuscita, nonostante il mio PREGIUDIZIO, a godermi la lettura di questo romanzo.

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO è un romanzo attuale, un romanzo che non ti aspetteresti di leggere da una penna della fine del 700 e che stupisce proprio per questo motivo.
Un romanzo d'amore, questo è indubbio, ma è anche un romanzo che nasconde delle piccole perle che fanno riflettere su cosa significhi essere parte di una società che pur non rispecchiandoti è comunque la tua realtà.

I personaggi che la Austen delinea in questa sua opera, seconda per ordine cronologico, sono tutti rappresentativi di un'epoca che la stessa autrice vuole criticare e demolire tramite la figura si Elisabeth. Un romanzo di protesta che finisce con il dichiarare la volontà di una realtà meno costruita e più libera dalle convenzioni e dalla precarietà intellettuale.
La figura di Elisabeth è chiaramente quella che più di tutti colpisce per la sua intraprendenza, la sua schiettezza, il suo essere leale nei confronti dei suoi pensieri e dei suoi ideali. Ma è anche una ragazza giovane che, mossa dall'impeto e dal pregiudizio, finisce con l'errare nel giudicare un uomo che è tutto il contrario di quanto appare.
La bellezza di questo personaggio sta, a mio avviso, nel suo saper fare marcia indietro, non tanto nei confronti dell'amore che può provare o meno per Mr Darcy, quanto nel riconoscere di aver sbagliato nel giudicare qualcuno e di ricorrere ai ripari avendo anche il coraggio di esprimere i suoi pensieri direttamente all'interessato.

In realtà, il personaggio che più di tutti ho apprezzato è il Sig. Bennet, la sua ironia, il suo sarcasmo e la sua sapienza rendono meno aspra, seppur tagliente, la critica nei confronti della superficialità della moglie e delle figlie, le più piccole soprattutto. Un uomo che, come la figlia, si dimostra molto più avanti dei tempi in cui vive e sicuramente molto più realistico.

E poi c'è Darcy, l'uomo tutto di un pezzo che nasconde un cuore tenero, l'uomo dall'innamoramento velocissimo che, a volte mi è sembrato non valere il viaggio mentale di Elisabeth per capire se lo ama oppure no. Insomma non posso parlarvi di cose che sono ovvie in un libro così noto. Certo, l'innamoramento di Darcy mi ha lasciato un po' perplessa proprio per la rapidità degli eventi dal suo punto di vista perché, anche in questo caso, Elisabeth è SICURAMENTE più razionale.

Ecco, forse è questo il punto: la razionalità sentimentale di Elisabeth in un'epoca in cui si era molto più attenti al giusto accordo economico e al giusto compromesso, rendono il libro un vero gioiellino. Un romanzo che nella sua scorrevolezza e nella contrapposizione dei caratteri che vi sono rappresentati trova il suo punto di forza.

Un romanzo che ho apprezzato moltissimo per la descrizione dell'epoca, dei costumi, delle usanze, ritrovarsi a passeggiare nei parchi in compagnia di Elisabeth e dei suoi ragionamenti è stato emozionante e coinvolgente. Un romanzo che sicuramente non si basa sulla consequenzialità di eventi molto frettolosi o di movimento, ma che, nonostante tutto riesce a mantenere alta l'attenzione e la curiosità del lettore, anche nel caso in cui il lettore è scettico, come lo sono stata io.

Insomma, credo di aver sbagliato nel rimanere per molto tempo legata al ricordo errato lasciatomi dalla precedente lettura di questo romanzo, e sono molto contenta si essere riuscita a modificare la mia opinione.
C'è ancora tra di voi qualcuno che non ha ancora letto questo romanzo? Se si, cercate di porre rimedio, anche nel caso in cui questo non sia propriamente il vostro genere letterario, fidatevi che la sua attualità vi lascerà senza parole!

Spero che la mia recensione vi sia piaciuta, fatemi sapere cosa ne pensate di questo romanzo e cosa state leggendo voi in questo periodo.
Vi mando un grande abbraccio e vi auguro di fare bellissimi viaggi tra le pagine dei vostri libri!!!   A presto!

2 commenti:

  1. Ciao! Orgoglio e pregiudizio è uno dei miei classici preferiti in assoluto.
    I signori Bennet sono fantastici...ti confesso che mi ricordano un po' i miei nonni, ahah :-)
    Elizabeth è un bellissimo personaggio, ma a me piace molto anche Jane!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia:-) Concordo con te su Elisabeth, un personaggio ben costruito e con una modernità che lascia spiazzati :-)

      Elimina