lunedì 30 settembre 2019

WWW... RECAP DEL MESE... SETTEMBRE 2019

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

E' finito anche il mese di Settembre e puntualissima arriva la rubrica che mi porta a recuperare tutto il mio operato del mese per fare un riassunto generale delle letture che ho fatto.
Devo dire che non mi aspettavo di leggere così tanto e sono davvero felice che i miei ritmi di lettura stiano riprendendo la normalità, sicuramente la stanchezza dell'estate e delle sue giornate bollenti mi hanno tolto molta energia.

Ma vediamo un po' come è andato questo mese in fatto di libri... BUONA LETTURA!


Cosa sto Leggendo?




IL GIOCO DELL'ANGELO di CARLOS RUIZ ZAFON è il secondo volume della serie de Il cimitero dei libri dimenticati  di cui ho riletto anche L'ombra del vento tempo fa.
Anche il questo caso, come nel primo volume della serie, sto rileggendo i romanzi che ho letto la prima volta appena usciti.
Avendo pubblicato i seguiti solo di recente ho preferito rileggere anche i primi due così da avere la storia più fresca.
Ho cominciato a leggerlo ieri mattina, quindi credo che mi accompagnerà ancora per qualche giorno.


Cosa ho finito di leggere?



Il primo libro terminato in questo Settembre 2019 è LONESOME DOVE di  LARRY MCMURTRY... LA GIOIA INFINITA e un dolore straziante, ma sono cose che un lettore è disposto a subire.

Lonesome Dove è la storia di un gruppo di improvvisati cowboy che attraversano le desertiche terre del Texas al confine messicano per raggiungere il verdeggiante Montana portando con loro una mandria di bovini e cavalli.

Inutile dire che si tratta di un romanzo pieno di avventure e disavventure ma anche di grande umanità e valori.
Ho adorato ogni pagina e parola e non vedo l'ora di leggere anche LE STRADE DI LAREDO che, sinceramente ancora non ho il coraggio di affrontare.





Seconda lettura terminata è IL PORTO PROIBITO di TERESA RADICE e STEFANO TURCONI.

Prima opera che leggo di loro due e sono rimasta a bocca aperta per la bellezza delle tavole ma anche per la profondità di questa storia che unisce alla misteriosa presenza di un ragazzo senza memoria una profonda storia d'amore.

Protagonisti vividi e reali con le loro debolezze e i loro problemi vengono rappresentati benissimo in una perfetta collaborazione di parole e immagini, da leggere!








MOLTO FORTE, INCREDIBILMENTE VICINO di JONATHAN SAFRAN FOER.


Un romanzo sulla perdita e sulla necessità di superarla.
Una storia che racconta le grandi tragedie del mondo attraverso le parole di due protagonisti che inconsapevolmente si ritrovano vicini e complici.

Una storia profonda mascherata da episodi ironici e divertenti che nascondono un profondo senso di solitudine.
 E MEZZO.








Incredibilmente sono riuscita a leggere il terzo volume della serie dedica a Ramses faraone d'Egitto.
IL ROMANZO DI RAMSES LA BATTAGLIA DI QADESH DI CHRISTIAN JACQ.

Arriva la guerra e lo scontro è con un popolo che ha nel sangue la battaglia e in armi e addestramento continuo la loro forza.
Ci troviamo in viaggio e il Faraone al suo quarto anno di regno, si vede costretto, ancora una volta, a sopprimere rivolte e tradimenti di palazzo.
Una ulteriore conferma della bravura storica dell'autore.







Ultimo romanzo del mese è ACCABDORA di MICHELA MURGIA.

Un romanzo di cui non sapevo nulla, devo dire che ci sono andata con i piedi di piombo perché avendo letto Chirù e non essendomi piaciuto particolarmente non sapevo come sarebbe andata a finire.

Devo dire, invece, che mi è piaciuto moltissimo.
Una storia al femminile che mi ha stupito e che rimarrà nel cuore.







Cosa Leggerò In Seguito?




Non posso esimermi, ho una curiosità barbina nei confronti di questo romanzo e devo assolutamente leggerlo e scoprire di cosa parla.
Ah, il romanzo è NEVERNIGHT MAI DIMENTICARE di JAY KRISTOFF!

E voi? cosa state leggendo, avete letto, leggerete?

Avete letto qualcuno di questi romanzi? Come li avete trovati?
Vi mando un grande abbraccio, a presto!!! BUONE LETTURE!

giovedì 26 settembre 2019

GRAPHIC NOVEL : "IL PORTO PROIBITO" di TERESA RADICE & STEFANO TURCONI

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!


Torna il fresco nell'aria, FINALMENTE,  ed io per riprendermi da questo caldo che mi ha stroncato ho deciso di recuperare una bellissima lettura che non avevo ancora affrontato, soprattutto perché dopo aver letto Lonesome Dove avevo bisogno di riprendermi un po' dal mio cuore spezzato.
Ma vi racconto la mia esperienza nel post che segue, BUONA LETTURA!!!



TRAMA: Abel viene ritrovato sulla spiaggia privo di memoria. E' poco più che un ragazzo e nessuno sa chi sia e da dove venga. L'unico appiglio al suo passato sono le sue capacità musicali e marinaresche.
Dietro il su improvviso arrivo sulla spiaggia c'è un mistero che deve essere risolto, se non altro per capire chi sia realmente Abel stesso.


Titolo: Il porto proibito
Autore: Teresa Radice e Stefano Turconi
Casa Editrice: Bao
Anno: 2016
Pag: 307
Prezzo: 27, 00 euro





Cosa ne penso...


Devo dire la verità, credevo che dopo la lettura di McMurtry avrei trovato poco spazio nel mio cuore da dedicare ad altre letture coinvolgenti come quella, invece ho dovuto fare un passo indietro e ricredermi con IL PORTO PROIBITO.





Il Porto Proibito è la storia di un mare che da vita, una storia di solitudini che si incontrano e di grandi sentimenti che vengono coltivati e riscoperti.
La storia che Radice e Turconi ci raccontano è quella di un personaggio che cerca di regalare felicità e di aiutare chi ha dentro di se una tristezza radicata.

Se da una parte ci troviamo davanti ad un mistero, dall'altra ci troviamo a leggere di una grande e importante storia di amore e di famiglia che rende il lettore un attore delle scene.






Le varie storie che gli autori ci raccontano sono una più bella dell'altra, c'è quella delle sorelle Stevenson che cercano di risollevarsi dall'abbandono improvviso del padre colpito anche da ignominia. Tre sorelle molto diverse tra loro, Helen è timida e sente su di se la responsabilità della casa e delle sue sorelle. Heather è quella più sbarazzina e spensierata. Infine c'è Harriet la piccola di casa che si affeziona subito ad Abel rendendo il suo arrivo molto meno faticoso.

Ma c'è un'altra storia che colpisce, quella di Rebecca, Mss Riordan, una donna molto forte e molto sola allo stesso tempo. Una bambina cresciuta in fretta per necessità, rimasta da sola dopo la morte dei suoi familiari e arrivata al Pillar to Post, un bordello, cercando di sopravvivere nell'unico modo possibile all'epoca. 
Un lavoro, il suo, che le fa conoscere il capitano Nathan McLeod, un uomo grande e grosso che può darle la protezione di cui ha bisogno.




Quello che mi ha colpito molto di questa storia è l'amore che viene raccontato in molte sue forme. Quello di un genitore per le figlie e viceversa, e quello presente in una relazione che non ci si aspettava di avere e che finisce con il travolgere completamente i suoi protagonisti.
Una storia ricca di sentimenti che vengono raccontati in maniera semplice e diretta sia attraverso le parole che attraverso le immagini che vanno a costruire le tavole.

L'attenzione al particolare che si vede in ogni tavola permette di rendere molto più vivide le vicende e i singoli momenti raccontati da parole che sembrano, a volte, delle poesie.

C'è molta nostalgia in questa storia una sorta di malinconico vivere che porta tutti i protagonisti a provare questo senso di tristezza profonda a volte che fanno tenerezza, soprattutto quando la loro storia personale viene narrata.

Una prima lettura della coppia che mi è piaciuta moltissimo e che sicuramente mi ha presentato uno stile che mi piace.
Una storia che è narrata con uno stile poetico ed evocativo che si sposa perfettamente con lo stile delle immagini e il tutto rende la lettura ancora più coinvolgente.

Il mistero di tutta la vicenda mantiene alta la curiosità fino alla fine del libro, per ogni personaggio che compare ho cercato di scoprirne il ruolo e ogni volta, puntualmente, la mia scelta era sbagliata.

Insomma, io questa storia la consiglio anche a livello puramente estetico perché il volume Variant è decisamente bellissimo.


VOTAZIONE:




Fatemi sapere se avete letto questa Graphic Novel o le altre della coppia, io a scatola chiusa avevo comprato anche Tosca Tra i Boschi che, a questo punto, sono curiosissima di conoscere.
Vi mando, come sempre, un grande abbraccio e vi auguro di fare tantissimi viaggi tra le pagine dei vostri libri!   A presto!!!

lunedì 23 settembre 2019

TBR RECAP... LUGLIO - AGOSTO - SETTEMBRE 2019

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!


Siamo giunti all'ultimo trimestre dell'anno e ancora non sono riuscita a completare quella che sarà la mia compagnia letteraria per gli ultimi mesi di questo 2019 che mi è volato via come se fosse passato solo un giorno. 
Fortunatamente, pero', oggi vi parlerò del risultato della tbr pseudo estiva che ho portato avanti fino ad oggi, anche se ci sono ancora un po' di giorni prima della fine di questo mese.
Diciamo che ci portiamo avanti altrimenti unire le due tbr sarebbe stato troppo lungo e fare il mese di Settembre pieno di tbr non mi sembra il caso, quindi faccio un recap di quello che ho effettivamente letto e una promessa per ciò che forse rimane fuori, vabbè, mi sono capita da sola.
Vi lascio al post con la speranza che ci si capisca qualcosina in più, BUONA LETTURA!!!

RECAP TBR 


Questi mesi estivi per me sono stati segnati da una lenta e progressiva decadenza fisica che mi ha accompagnato fino a qualche giorno fa, quando ancora ci sono stati dei picchi di calore forte.
Ho iniziato a sentirmi male con la pressione minima arrivata a quaranta e un superlavoro che, pur portandolo avanti, mi ha davvero levato ogni tipo di forza.
Questo per raccontarvi un po' la mia estate da matti.
La vacanza in Puglia mi ha decisamente rigenerato, anche il semplice fatto di non dover sopportare i ritmi super frenetici del super lavoro che ho avuto in questo anno è stato una grande cosa.
A fasi alterne, ovviamente, le letture ne hanno risentito, soprattutto nel mese di Agosto, ma vado con ordine...

A Luglio, complici tre giorni di malattia (perché si, sono svenuta ripetutamente, leggete sopra), sono riuscita a leggere qualcosa in più perché ero perennemente stesa a letto e senza forza fisica.

Della Tbr sono riuscita a leggere, infatti, ben due volumi:


  


 FRANKENSTEIN di  MARY SHELLEY

Un capolavoro che ho riscoperto a distanza di moltissimi anni e che mi ha davvero lasciato senza parole per la sua profondità e per i tanti sentimenti..
Un romanzo che scardina completamente tutta la leggenda e che si rivela essere una importante fonte di riflessioni.


Davvero consigliato da leggere!














Il secondo romanzo che ho letto in questo mese di Luglio è stato 
LA TRAMA DEL MATRIMONIO di JEFFREY EUGENIDES
Anche in questo caso non si è trattato di un autore a me sconosciuto in quanto avevo già letto di suo Middlesex molti anni fa e mi era piaciuto molto.
In questo caso la tematica è quella di un matrimonio tra due giovani che si ritrovano a dover affrontare una situazione molto più grande di loro in un mondo che sta cambiando e porta in loro profondi dubbi.
Un romanzo che unisce alla storia personale dei protagonisti quella di una società culturalmente in evoluzione.





Nel mese di Agosto non letto molto, o meglio, la prima parte del mese fino a dopo ferragosto non ho letto praticamente nulla a parte finire Harry Potter che stavo leggendo in lingua da svariati mesi.
Tutto il mese, comunque, fino alla metà di Settembre è stato rapito completamente da Lonesome Dove e non ho toccato altro.





A Settembre sto cercando di recuperare non solo i miei ritmi di lettura, ma anche i libri che avevo programmato di leggere in questi mesi e ho tralasciato.
Il primo è MOLTO FORTE, INCREDIBILMENTE VICINO di JONATHAN SAFRAN FOER.
Un libro di cui vi parlerò più ampiamente in una prossima recensione e che mi ha spezzato il cuore per la tenerezza e la tristezza che contiene.
La storia di un lutto e della sua elaborazione, raccontato attraverso uno stile ironico e a volte crudo, ma molto molto intenso.









Attualmente sto leggendo questo romanzo che sarebbe il terzo volume dedicato alla figura di Ramses ovvero IL ROMANZO DI RAMSES LA BATTAGLIA DI QADESH di  CHRISTIAN JACQ.
Un romanzo che mi sta piacendo molto e che credo di riuscire a portare a termine entro pochi giorni.





Infine c'è IL GIOCO DELL'ANGELO di CARLOS RUIZ ZAFON che non credo riuscirò a portare a termine entro la fine del mese, ma conto di cominciarlo subito dopo la lettura di Ramses.
Possiamo considerare la Tbr rispettata? Almeno quella di questo trimestre?

Vi farò sapere nel post di recap del mese che uscirà la prossima settima se sono riuscita ad iniziarlo oppure no, io spero di si anche perché ad ottobre devo assolutamente recuperare altre cose oltre a stilare le nuove tbr, mensile e trimestrale...

Fatemi sapere le letture che state facendo voi così magari prendo qualche spunto, fatemi sapere anche se avete letto questi romanzi e cosa ne avete pensato. Ovviamente se volete leggere la mia opinione a riguardo vi basta cliccare sui titoli. 
Vi mando un grande abbraccio e vi auguro di fare delle bellissime letture!!!

giovedì 19 settembre 2019

BIG or small... QUESTA VOLTA COSA HO LETTO?

SALVE A TUTTI VOAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Con mia grande soddisfazione oggi vi parlo di una delle letture più belle che io abbia mai fatto, soddisfazione anche per la mole che questo libro ha e che per questo motivo mi ha accompagnato per lungo tempo.
Non mi capitava da un po' di essere così rapita da una storia e tornare a leggere con questa sensazione sembra avermi ridato la voglia di farlo ancora e ancora.
Ma credo che sia il momento di raccontarvi di cosa parlerò oggi nel post... BUONA LETTURA!!!




LONESOME DOVE

LARRY McMURTRY




TRAMA: Lonesome Dove è una piccola comunità del Texas desertico in cui viaggiatori e locali trovano refrigerio dal caldo in un piccolo saloon, il Drive Bean, luogo di bevute, giocate e noti di sesso. MA c'è anche la Hat Creek Company a dare vita al posto, i suoi gestori sono due ex Texas ranger diventati allevatori abbandonando l'adrenalina delle corse a cavallo e degli inseguimenti selvaggi. Un giorno, Jack Spoon, uno dei fondatori della Hat, torna alla base infilando nella testa di Woodrow Call e Augustus McCrea l'idea di portare una mandria di bovini nel Montana dando vita al primo allevamento in loco. Il richiamo dell'avventura è troppo forte rispetto al senso logico del pericolo e della difficoltà dell'impresa, ma la logica non li fermerà.

Titolo: Lonesome Dove
Autore: Larry McMurtry
Casa Editrice: Einaudi
Anno: 2019
Pag: 975
Prezzo:16,00 euro


VOTAZIONE:



Leggere un romanzo del genere è sicuramente un'impresa da affrontare solo se si è veramente convinti di farlo, questo non perché si tratta di una lettura noiosa,anzi è talmente immersivo che vi trascina inevitabilmente nel suo mondo e non riuscirete a staccarvene, proprio per questo motivo è bene cominciare e leggere tutto d'un fiato quello che l'autore ci racconta senza fare delle pause.

Ho comprato questo libro nella sua versione economica dopo averlo atteso non so per quanto tempo, credo due anni circa, e in tutto questo tempo non ho mai smesso di fremere per conoscere la sua storia. Devo dire che non sono mai stata una lettrice fremente ma questa volta c'era qualcosa che mi attirava particolarmente e infatti non appena ne ho avuto una copia davanti non c'ho pensato su e l'ho preso.

Una lettura che fortunatamente non mi ha deluso, anzi, me ne sono completamente innamorata, fin dalla prima pagina, infatti, sono rimasta affascinata da questi personaggi cosi particolari e lontani dalla mia normalità che non sono più riuscita a lasciarli andare.
Devo confessare che la paura è stata tanta, non avevo mai letto nulla di questo genere di letteratura, quella western e di frontiera, e pensavo non potesse piacermi, invece è andata una meraviglia.
Ma adesso vi racconto un po' di questo libro.

Non si può parlare di LONESOME DOVE senza sapere di cosa di stia parlando, un piccolo centro abitato da pochissime persone che si trova nelle zone desertiche della frontiera tra Texas e Messico, un luogo di cowboy, viaggiatori e personaggi piuttosto stravaganti. E' qui che vivono Augustus McCrae e Woodrow Call due ex Texas rangers che dopo aver abbandonato l'avventura hanno deciso di mettere su una rivendita di cavalli.
Un giorno, però, la loro vita tranquilla viene smossa dal ritorno di Jack Spoon, altro ex Texas Ranger che li convince a trasportare una mandria di bovini nelle fertili terre del Montana ed è così che inizia l'avventura di questo incredibile romanzo.

Mi risulta difficile parlare di Lonesome Dove senza farvi spoiler, quindi perdonatemi se qualcosa verrà fuori, ma in alcuni casi è proprio inevitabile.
Partiamo per gradi...

1)AMBIENTAZIONE

Ci muoviamo attraverso una natura selvaggia che dal calore insopportabile del deserto con le sue tempeste di sabbia e cavallette arriva alla neve e alle distese erbose e boschive del Montana. Una natura attraversata da fiumi più o meno profondi, che si difendono con i serpenti d'acqua e le sabbie mobili pur mantenendo la loro bellezza estetica. Lunghe zone pianeggianti prive di alberi e continuamente sovrastate da un sole accecante e soffocante. Colline fitte di pericoli e Indiani nascosti che cercano di derubare i viaggiatori dei loro averi e del loro bestiame.
E poi i Grizzly delle grandi foreste, orsi grandissimi che risvegliatisi dal loro letargo vanno in cerca di cibo per rifocillarsi.

2)PERSONAGGI:

Seguiamo le vicende di un gruppo principale, quello che vede i proprietari della Hat Creek Company partire per la transumanza, formato da Augustus, Call e poi c'è Deets l'esploratore, Dish Bogget il cowboy, Pea Eye anche lui ex Ranger, Jack Spoon, ovviamente, Bolivar il cuoco, Lippey il suonatore del Dry Bean e il giovane Newt ragazzo senza padre cresciuto con Gus e Call e Lorena la ragazza del Dry Bean che ha deciso di raggiungere San Francisco. A questi si aggiungono mano a mano altri personaggi cui non ci si può non affezionare come i fratelli Irlandesi che con i loro canti ammansiscono le mandrie o Jasper Fant e la sua costante paura dell'acqua, o Po Campo il secondo cuoco che dovunque va trova cibo e dispensa saggezza culinaria. Una squadra di avventurieri più o meno esperti che decidono di affrontare un'avventura pericolosa e ignota.

3)I NEMICI:

Gli Indiani sono il pericolo costante di questo viaggio, non le intemperie, non le difficoltà meteorologiche, non le possibili controversie con altri viaggiatori, gli INDIANI che ci vengono tratteggiati come bruti senza cuore, selvaggi, spaventosi. Una presenza costante anche quando non ci sono fisicamente, una paura che seppure non si fa sempre concreta aleggia su tutti i momenti dei nostri viaggiatori.

4)STRUTTURA DEL ROMANZO:

L'autore divide questo libro di 975 pagine in tre parti ognuna delle quali ci racconta di una sezione della storia principale inserendo, nel frattempo, anche altri personaggi appartenenti ad altre storie che si legano alla principale per un singolo momento, per un personaggio in particolare, per un momento del passato dei protagonisti e tutte le varie parti fanno dei suoi personaggi dei protagonisti che vanno ad aggiungersi al cast iniziale in una serie di intrecci e rimandi che creano una trama intricata e avvincente.


Dopo avervi esposto gli elementi principali non posso che parlarvi a braccio di quello che è stato per me leggere LONESOME DOVE!

Non ho termini di paragone con altri libri dello stesso genere ma posso dire che il west è un mondo letterario che mi piace da matti.
Tutto il romanzo è permeato da una sensazione di nostalgia e malinconia che non abbandona la lettura neanche nei momenti di maggiore tensione narrativa. 
Tutti i personaggi, meravigliosamente caratterizzati e raccontati da McMurtry ci raccontano del loro passato, dei loro amori più o meno riconosciuti e più o meno vissuti.
Tutti i personaggi hanno una morale propria, certo, ma tutti sono legati tra loro da un senso di profonda fedeltà ai loro ideali che lascia senza parole.
Tutte le azioni che compiono i protagonisti di Lonesome Dove sono legate alla necessità di mantenere l'onore delle promesse fatte, di un amore da riconquistare, di un progetto da portare a termine, di una vita da salvare e proteggere.

La trama è ricca di situazioni più o meno avventurose che si alternano a momenti di quiete che non lasciano mai a bocca asciutta. Ognuno di essi diventa occasione, per lo scrittore, per raccontarci un evento legato ad uno dei personaggi, all'introduzione di un nuovo soggetto, o all'evoluzione di una situazione che sembrava essere stata creata come riempitivo, cosa che non è.
Tutti gli elementi inseriti nella storia sono funzionali all'evoluzione narrativa della stessa, non c'è un elemento di troppo, non ci sono momenti di noia, di abbandono alla scrittura di parole inutili e che rallentano la narrazione.

LONESOME DOVE e è costruito meravigliosamente da una serie di tessere che si incastrano perfettamente tra loro anche quando sembra che non ci siano molti elementi comuni tra l'uno e l'altro. Il tutto viene raccontato con uno stile estremamente scorrevole e affascinante che riesce a catturare subito e a farti affezionare ad ogni situazione.

Mi è piaciuto tutto di questo libro, i protagonisti e i coprotagonisti che si incontrano e scontrano con una realtà che non ti aspetti. L'autore riesce a creare delle evoluzioni della storia che mi hanno fatto rimanere a bocca aperta per non essermele aspettate e il tutto, mi sono resa conto successivamente, mi è sembrato un lungo film dal quale non volevo staccarmi mai.

Larry McMurty è riuscito a farmi conoscere un genere che non avevo proprio idea potesse entrare nelle mie corde e il tutto è stato così naturale da non farmi rendere conto di nulla.

Ho amato la storia di Lorena, una delle uniche due protagoniste femminili della storia, la sua evoluzione, la sua forza d'animo e la sua fragilità, che mostra senza vergogna. Ho amato la contrapposizione caratteriale di Augustus e Call, così diversi e così legati l'uno all'altro da rendere i loro confronti uno spettacolo per gli occhi.
E poi mi sono arrabbiata con Jake Spoon e rattristata per le sue assurde ed errate scelte così come ho provato tenerezza per i pianti di Newt e per la sua speranza di trovare suo padre in un mondo di omissioni e vergogne.

I personaggi sono tutti così reali, con le loro fragilità e convinzioni, le descrizioni fatte così bene da rendere palpabile la sensazione di soffocamento del caldo, o del tempo che evolve arrivati a destinazione.
Una storia che mi ha riempito il cuore, lo ha anche strappato in tanti piccoli pezzi, intendiamoci, ma è comunque una storia che vale la pena di leggere e vivere a pieno.

Una lettura che ho fatto lentamente, un po' per la mia stanchezza mentale, un po' perché ero troppo presa dalla storia da non riuscire a continuare a leggere in alcuni punti in cui i protagonisti erano in difficoltà da dovermi allontanare un po'.
Una lettura che mi ha accompagnato nei miei giorni pugliesi e che forse ho apprezzato ancora di più proprio perché letto in uno spettacolo naturale che mi ha lasciato senza fiato.

Inutile dire che è una lettura che consiglio, perché mi auguro di avervi invogliato a tal punto da recuperarlo subito e farlo vostro.
Piuttosto mi scuso per essere stata così prolissa e spero di aver parlato in modo comprensibile data l'emozione che ancora mi prende nel raccontare di questo libro.

Mi auguro che il post vi piaccia, che sia riuscita a trasmettervi il mio amore per questo romanzo e che, se vi va, mi raccontiate quale libro vi ha catturato in questa estate 2019.

Vi mando un grande abbraccio, vi ringrazio per le visite che mi fate e vi auguro di fare tantissime e bellissime letture... A presto!!!

lunedì 16 settembre 2019

CASSETTA DELLA POSTA... AGOSTO 2019

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Il post di oggi è l'ennesima presa di coscienza che vacanze e libri non possono essere messi insieme, nel senso che le ferie e la voglia di ricordare momenti d'estate mi hanno portato a comprare libri, di nuovo, nonostante il mese di agosto si sia caratterizzato dalla presenza di una sola costante LONESOME DOVE (di cui vi parlerò Giovedì!).
Quindi mettendo da parte tutti i buoni propositi di non acquistare nuovi libri procedo con il farvi vedere cosa ho comprato durante la sola settimana di ferragosto... ebbene si, in una sola settimana, o meglio in due giorni, ho fatto l'ennesimo danno... BUONA LETTURA!!!


CASSETTA DELLA POSTA DI AGOSTO 2019




Sto guardando bene i titoli che ho inserito in questa foto e non ho preso neanche una cosa che sia una lettura leggera da fare durante questo periodo, BRAVA ME!
Inoltre nella foto non ho inserito altri due libri che ho comprato nei due giorni trascorsi da mia cugina e che ho prontamente lasciato a casa sua, (doppiamente BRAVA ME!), quindi vi metto le immagini di internet giusto per farvi capire di cosa io stia parlando, ecco.

Ma partiamo con la carrellata di acquisti di questo mese proprio con i due titoli che non vi posso mostrare qui in foto.








LA CASA DEL TEMPO di NAN SHEPHERD è un libro pubblicato da ELLIOT EDIZIONI e che mi ha colpito pur essendo stato infilato tra altri mille mila libri. Non so neanche come mai ma quando sono andata a leggere le prime righe della trama mi sono accorta che la tematica, quella della guerra, mi sarebbe stata congeniale e così non ho letto altro e l'ho portato via con me.















L'altro volume che ho prontamente acquistato e lasciato da mia cugina è LA STANZA DI SOPRA di ROSELLA POSTORINO che ho comprato con la promozione Feltrinelli di 2 libri a 9.90 , l'altro lo ha preso mia cugina.
Di questo libro so solo qualcosa sulla autrice che, se non sbaglio, è la stessa che ha scritto LE ASSAGGIATRICI che ancora non ho letto nonostante lo abbia messo in wish list da quando è uscito.
Ma va bene, i libri non scadono e il tempo per leggerli si troverà :-)






Adesso i libri della foto... Il 14/08 ho accompagnato una mia amica alla stazione a prendere un treno che l'avrebbe riportata a casa, nel tornare mi sono fermata ad un centro commerciale che si trova dalle mie parti e all'improvviso, senza saperlo, mi sono trovata davanti una Mondadori. Avevo pensato di non comprare nulla, maaaaa... era così piena di cose interessantissime che avrei voluto prendere e... alla fine ho preso solo questi quattro volumi che adesso vi mostro nel dettaglio.





LE AVVENTURE DI WASHINGTON BLACK di ESI EDUGYAN 

Un romanzo di cui non so nulla o meglio, ho letto la trama quando era stata annunciata la sua uscita dalla Neri Pozza e l'ho messo in wish list come libro da comprare in un momento da ricordare e così l'ho preso durante questa gita fuori porta.

Dovrebbe riguardare lo schiavismo americano ma non ne sono molto sicura, ormai sapete che le trame non le leggo no?!.
Pensavo che avrebbe suscitato più curiosità la sua uscita ed invece è rimasto tutto in sordina, speriamo bene, anche se il mio istinto poche volte  mi ha tradito in questo senso.










De LA QUINTA STAGIONE di N.K.JEMISIN invece credo che se ne sia parlato anche troppo, ma la curiosità mi ha attanagliato e così ho dovuto comprare il libro.
Un fantasy che dicono sia molto innovativo e particolare.
C'entra la natura e il fatto che abbia vinto dei premi importanti per questo genere non mi fa dubitare molto della sua fascinazione.
Appena lo leggerò vi saprò dire!














Da amante della serie tv VIKING non ho potuto non comprare un libro dedicato proprio a questo popolo e ho preso IL TESORO DEI FIN GALL di JAMES L. NELSON.
Di questo libro davvero non so nulla e non ne ho sentito parlare affatto sebbene io abbia recuperato il suo nome tramite una pubblicità della Osca Vault che ne annunciava l'uscita.
A quanto leggo è il primo volume di una saga ma non so molto di più.
Ovviamente si tratta di una saga storica e non vedo l'ora di conoscerne i personaggi.









L'ultimo volume che vi mostro è stata una scoperta improvvisa che ho fatto spulciando nella sezione fumetti. Non avevo mai visto questa collana e appena ho letto il nome di Mary Shelley l'ho preso subito e sto aspettando il momento giusto per leggerlo, sto parlando di LOSCHE GRANDI STORIE . MARY SHELLEY .
Un libro che non è nè un romanzo nè un fumetto, una sorta di storia illustrata e costruita come se fossero degli articoli.
Non so dirvi di più perché ho dato solo una rapida occhiata e basta.
Avendo letto da poco Frankenstein sono ancora legata a questa figura femminile e mi è sembrato un testo carino da leggere.
Vi saprò dire presto di cosa si tratta.






Bene amici, questi sono i danni che ho fatto nel mese di Agosto, inutile dire che non avrei dovuto ma in realtà mi va bene lo stesso, comprare libri mi fa stare bene  ed è giusto che mi premio con qualcosa che mi piace, quindi va bene così.
Voi cosa avete comprato in questo mese? Avete fatto qualche scoperta interessante? Ci sono delle uscite imperdibili che devo assolutamente recuperare?
Fatemi sapere con un  commento, se vi va!
Io adesso vi lascio, vi auguro di fare bellissimi viaggi tra le pagine dei vostri libri. A presto!!!

mercoledì 11 settembre 2019

RECENSIONE mini... "SPARK" di ALICE BROADWAY

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!


Sono tornata a casa con un bagaglio di bellezza naturale e artistica nel cuore e il ricordo di giorni bellissimi trascorsi tra camminate, chiacchiere con sconosciuti e l'accoglienza salentina che ho sempre trovato meravigliosa.

Le letture ne hanno risentito, o meglio, sono andata avanti con Lonesome Dove che sto adorando ad ogni pagina sempre di più e che terminerò quasi sicuramente questa settimana. 
Sono tornata riposata e pronta per fare tante altre letture con la speranza che siano altrettatanto coinvolgenti.

Ma oggi ho intenzione di parlarvi, brevemente, del secondo volume della trilogia di INK di ALICE BROADWAY, vi racconto le mie impressioni nel post, BUONA LETTURA!






TRAMA: Leora viene inviata da Longsight a Saintstone, nella zona degli Intonsi, a fare da spia e capire quali saranno le loro mosse.
E' qui che ci troviamo per tutto questo secondo libro, alla scoperta dell'altra metà della mela che non è poi così tanto differente dalla prima...


Titolo: Spark
Autore: Alice Broadway
Casa Editrice: Rizzoli
Anno: 2019
Pag: 345
Prezzo: 18.00 euro





Cosa ne penso...


Siamo a Saintstone, la città degli Intonsi e tutto appare ostile per quasi la metà del libro.
La Broadway riesce a far sentire questa sensazione di odio nei confronti di Leora attraverso le parole dei personaggi che impareremo a conoscere nel corso delle pagine.

Una Marchiata tra gli Intonsi è ciò che più di tutto può sembrare strano in un mondo nettamente diviso da confini tanto vasti quanto inquietanti come le foreste che li circondano.

Il mondo che si apre davanti a noi è quello di un popolo che soffre, carente delle cose primarie come cibo, acqua e medicine, una parte del mondo che è nettamente diverso da quello che ci viene raccontato nel primo libro. Una realtà che sembra essere più veritiera e quasi del tutto priva dell'alone di mistero che, invece, caratterizzava il volume precedente.
Con questo non voglio dire che in Spark sia tutto esposto in modo chiaro e specificato.

Anche in questo secondo libro, però, ritroviamo degli elementi che, secondo me, sono vincenti in questa storia come la normalità dei personaggi che è sicuramente una delle caratteristiche che più mi ha colpito.
Leora, così come tutti gli altri protagonisti di questa parte della storia vengono tratteggiati come persone normali con i loro difetti come pure i loro pregi e le loro debolezze, e la Broadway lascia loro tutto lo spazio per renderli noti.

Ancora una volta ci troviamo a seguire l'esperienza di una ragazza che cerca di scoprire la verità sulla sua famiglia ma anche di smascherare, in un certo modo, le ingiustizie di cui tutti sono vittime. Per farlo è necessario fare degli errori e delle scelte difficili, a volte complicate e questo ci viene raccontato in modo diretto, senza fronzoli e con uno stile molto alla mano e fresco, nonostante la tematica riporti comunque degli elementi che si potrebbero definire macabri a pensarci bene.

Altro elemento che mi è piaciuto molto è stato il ritrovare le storie che rimandano non solo alle religioni ma anche alle favole, in alcuni casi ho ritrovato Basile e i Grimm, ma potrei anche aver detto una cavolata. Fatto sta che a me molte storie di Spark hanno ricordato le stesse atmosfere degli autori che vi ho citato.

Non posso non ribadire la piacevolezza della lettura di questo secondo volume che, come il precedente, mi ha catturato e incuriosito molto lasciandomi con la voglia di conoscere la conclusione della vienda.
Sicuramente non è una lettura impegnativa, nel senso che non ci sono spiegoni infiniti o storie particolarmente problematiche da dover essere spiegate da scienziati. La Broadway riesce ad incuriosire parlando in modo chiaro e creando un intreccio che è semplice ed intricato allo stesso tempo.

Mi sento di consigliare la serie che, con questi due volumi, è riuscita a conquistarmi e a farmi passare delle giornate spensierate in modo intelligente e mai banale.
Sicuramente l'età della protagonista rende semplice anche il tipo di relazioni che possono crearsi e in quel caso ci sono dei piccoli cliché che non danno alcun fastidio quindi comprate e leggete la storia di Leora, ovviamente poi fatemi sapere cosa ne pensate!


VOTAZIONE:

 E MEZZO


Ho sempre paura di sbilanciarmi troppo con i volumi centrali delle saghe e serie, non so mai se sia giusto crearmi molte aspettative o rimanere nella semplice curiosità di capire in che modo l'autrice/autore scelgano di far terminare la loro storia. Per questo motivo ho deciso di dare a Spark una votazione che non è semplice sufficienza ma non è neanche un eccessivo sbilanciamento in positivo, rimaniamo cauti va!

Fatemi sapere se avete letto la trilogia, se la conoscete, cosa ne pensate e quali sono le vostre letture al momento.
Vi mando un grande abbraccio e vi auguro di fare bellissimi viaggi tra le pagine dei vostri libri!!!

giovedì 5 settembre 2019

RECENSIONE: "LA TRAMA DEL MATRIMONIO"di JEFFREY EUGENIDES

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!


Nella speranza che la me contemporanea si stia godendo un po' di mare e sole, oggi vi racconto cosa ne ho pensato di un libro che mi chiamava alla sua lettura da un bel po' e non so neanche io per quale motivo.
Un libro corposo che ho comprato ad un mercatino in ottime condizioni e che, proprio per l'attesa e l'impazienza di leggerlo avevo paura mi potesse deludere... Bhe, ve ne parlo nel post qui sotto così vediamo se mi ha deluso o è stata una bella lettura!



TRAMA: Madeleine e Leonard si sono conosciuti ad un corso di filosofia poco prima della laurea. Si innamorano subito e vanno a convivere pur con qualche difficoltà da affrontare.
Madeleine e Mitchell si conoscono da molto prima, hanno avuto un incontro dal quale Mitchell non si è più ripreso e dal quale, innamoratosi di Madeleine, non fa altro che vivere la sua vita nella speranza che un giorno possa sposarla.


Titolo:La trama del matrimonio
Autore: Jeffrey Eugenides
Casa Editrice: Mondadori
Anno: 2011
Pag: 478
Prezzo: 20.00 euro






Cosa ne penso...


Secondo romanzo che leggo di questo scrittore americano di origini greche che mette sempre del suo nelle sue storie, storie di vite che non scorrono mai veloci ma che ci mettono davanti a problematiche e situazioni su cui riflettere.

La storia di questo romanzo è quella di tre giovani che costituiscono una sorta di triangolo amoroso inconsapevole nel quale una coppia si ritrova ad avere la precedenza sulle riflessioni religiose del terzo elemento.

Madeleine, Leonard e Mitchell sono tre giovani e acculturati studenti universitari che si trovano ad affrontare il momento della fine dei loro studi e la necessità di intraprendere la vita adulta.
Siamo nell'America degli anni 80 e tutto ha un gusto retrò nel leggerlo adesso, pur nella consapevolezza che gli anni 80 non sono effettivamente così lontani da me, ma comunque.

Le pagine scritte da Eugenides ci raccontano di giovani affascinati dalle grandi scoperte culturali che portano ad una nuova idea del rapporto di coppia in Madeleine e Leonard, e un nuovo senso religioso in Mitchell.
La storia procede, infatti, seguendo due filoni narrativi che non si incontrano mai se non all'inizio e alla fine del romanzo e procedono in maniera distaccata per la parte centrale trasportandoci spesso nelle vite della coppia e di Mitchell.

Leonard e Madeleine mettono in scena la storia di una coppia giovane nella quale la donna finisce con il cedere spesso alle esigenze dell'uomo. Una forte intesa sessuale, infatti, porta Madleine, all'inizio della vicenda, a prendere sottogamba le intenzioni di Leonard.
Leonard è un personaggio inquieto, umorale, pronto a recuperare la storia con Madeleine solo nel momento in cui si sta allontanando. Madeleine dal canto suo finisce con il dimenticarsi un po' di sé e dei suoi progetti di vita, innamorata di Leonard e pronta ad aiutarlo sempre giustificando anche il suo modo di essere, a volte.
Un tema importante e condizionante nella loro vita di coppia sono le crisi maniaco depressive di Leonard, crisi che lo affliggono fin da giovanissimo e che non è riuscito mai a gestire in maniera adeguata.

Mitchell invece è laureato in religione e vuole compiere un viaggio in India insieme ad un suo amico. Il suo sarà una sorta di viaggio alla riscoperta del senso religioso e di come sia possibile applicarlo nella vita di tutti i giorni. Il tutto viene condito dalla presenza, nella testa di Mitchell, del pensiero costante per Madeleine di cui rimane innamorato condizionando la sua vita in tutto.

Nel leggere questo romanzo mi sono trovata spesso a chiedermi dove l'autore volesse andare a parare, nel senso che le due parti sono completamente staccate tra di loro, e non ho ben capito per quale motivo sia stata fatta questa scelta, questo anche a lettura ultimata, devo dire la verità.
Sicuramente la storia è legata al senso di scoperta e di consapevolezza di sé che questi giovani ragazzi acquisiscono durante i percorsi della loro vita, ma il modo in cui l'autore decide di unirli mi ha un po' spiazzata, devo dire la verità.

La storia di Leonard mi ha completamente rapita e mi ha portato a voler leggere il romanzo in fretta per sapere fin dove si sarebbe spinto l'autore. La stessa cosa mi è successa con Mitchell, che comunque, per quanto mi sia sembrato un pesce fuor d'acqua è stato comunque bello leggerne l'esperienza.
Da questo punto di vista, quindi, posso confermare che i personaggi maschili di questo romanzo mi sono piaciuti molto di più.
Madeleine è stata una protagonista strana, non sono riuscita ad empatizzare con lei, non sono riuscita a capire le sue intenzioni, quasi volesse lasciarsi trascinare dagli eventi senza prendere una sua posizione e le uniche volte che lo ha fatto è stato solo per togliersi i pantaloni, insomma, non so cosa pensare, non mi ha colpito per niente, purtroppo.

Nel complesso posso dire che la lettura mi ha coinvolto molto e nonostante ci siano state delle parti in cui l'autore mi è sembrato un po' troppo pretenzioso nelle scelta di inserire delle dissertazioni scientifiche e filosofiche eccessivamente lunghe, poi la parte narrativa è stata decisamente coinvolgente.



VOTAZIONE:


E MEZZO


Se non ricordo male non ho dato voto pieno al libro proprio perché pur apprezzando il fatto che ci fossero due filoni narrativi non mi è piaciuto molto il modo in cui siano stati gestiti nella narrazione.
Mi è piaciuta molto, invece, la finestra sulla problematica delle crisi maniaco depressive che l'autore ha inserito nel romanzo in modo molto coinvolgente.

Insomma io la lettura di LA TRAMA DEL MATRIMONIO la consiglio a tutti, mettendovi in guardia sulla prima parte che è un po' lentina, ma il resto fila via che è un piacere. Purtroppo mi rendo conto che non vi ho parlato molto del romanzo più che altro perché è difficile parlare della vita di tutti i giorni dei personaggi senza farvi spoiler di quello che accade.
In questo non vi aspettate un romanzo pieno di eventi, ma una storia che si concentra sulla vita di giovani protagonisti che cercano di rendersi parte di un mondo che sta progressivamente cambiando.

Fatemi sapere se lo avete letto e come lo avete trovato, se avete letto altro dell'autore e se mi consigliate di leggere LE VERGINI SUICIDE che sarebbe l'ultimo suo romanzo che mi manca.
Vi mando un grande abbraccio e vi auguro di fare bellissime letture!!!

lunedì 2 settembre 2019

TBR SETTEMBRE 2019... E L'IMPOSSIBILE RECUPERO DELLE LETTURE PROGRAMMATE!

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Eccoci di nuovo qui a cercare di dare un ordine alle letture che avrei intenzione di affrontare ma che, come è successo già per il mese di Agosto, sarà molto difficile portare avanti.
Sicuramente le letture cui darò priorità sono quelle che mi ero prefissata di fare ad agosto quando, in uno sprint di positività, ho pensato che avrei potuto leggere Lonsome Dove più altri libri, misero fallimento, ovviamente!
Adesso, visto che le cose torneranno nella normalità prima o poi, voglio leggere qualche libro che mi aspetta da un po' di tempo e che non è tra quelli da leggere nella tbr trimestrale, ma andiamo con ordine... BUONA LETTURA!



To Be Read Settembre 2019





MOLTO FORTE, INCREDIBILMENTE VICINO di JONATHAN SAFRAN FOER è il libro che sto portando con me in vacanza, perché si, mentre voi leggete il post io sono in riva al mare a godermi la mia settimana di ferie.
Ovviamente continuerò a leggere e portare a termine LONESOME DOVE perché non ho assolutamente intenzione di abbandonarlo.

Su questo libro so dirvi solo che è legato al crollo delle torri gemelle e che è il primo libro che leggerò di questo autore che sento potrà piacermi, non so perché. 
Ho anche Ogni cosa è illuminata di suo ma vorrei procedere per ordine a leggerli visto che comunque non è che abbia pubblicato molto, o almeno così mi sembra, c'è ECCOMI e basta.
Fatemi sapere se sto dicendo una baggianata!





ACCABADORA di MICHELA MURGIA è un altro di quei libri che mi attirano e non so quale sia il motivo di tale attrazione. Devo dire che di Michela Murgia ho letto Chiru' un paio di anni fa e non mi aveva colpito particolarmente, ma siccome dicono che questo volume sia nettamente superiore ho deciso di comprarlo così me ne faccio una mia opinione. Della storia non so nulla, ovviamente, sia mai che compro un libro sapendo di cosa parla!




Diciamo che voglio essere molto fiduciosa e far diventare il mese di Settembre come un mese che invece di 30 giorni ne abbia 250, date tutte le letture che devo portare a termine... andiamo avanti!
REBEL. IL DESERTO IN FIAMME di  ALWYN HAMILTON è il primo volume della trilogia di Rebel ambientata in un deserto fantastico misto al far west, tanto per rimanere in tema.
A dire la verità proprio questo primo volume non mi aveva fatto impazzire, infatti nella recensione che avevo scritto mi ricordo di aver dato una opinione poco rosea alla storia, però c'è qualcosa che mi dice di continuare a leggere e di riprendere il discorso lasciato in sospeso, quindi piano piano vorrei portare a termine anche questa trilogia ricominciando dal primo volume.


Non sono assolutamente certa di riuscire a portare avanti così tante letture durante questo mese, ma confido nel fatto che le ferie mi faranno riposare e mi permetteranno di leggere almeno buona parte dei settordicimila libri che mi sono messa in tbr e che non ho inserito in questo momento.

Ma come sempre facciamo un recap della TBR di AGOSTO e aggiungiamo a questi tre libri quelli che mi ero prefissata di leggere!




Partiamo dalle gioie... LONESOME DOVE di LARRY McMURTRY è l'unica lettura che sto facendo della tbr di agosto. La sto ancora facendo ma conto di finirla entro questa prima settimana di Settembre. Un libro meraviglioso di cui vi parlerò presto.






Seconda letture che mi ero prefissata di fare era IL PORTO PROIBITO DI STEFANO TURCONI E TERESA RADICE. Fumetto che ha una veste grafica anticata e che mi piace da morire. Sono curiosissima di leggerlo, quindi non penso che mi peserà il doverlo fare a breve.






L'ultimo volume della tbr di Agosto che non ho letto è IL ROMANZO DI RAMSES LA BATTAGLIA DI QADESH di CHRISTIAN JACQ che sarebbe il terzo romanzo delle vicende legata a Ramses faraone d'Egitto. Anche in questo caso si tratta di una lettura che mi interessa molto fare e che vorrei portare a termine prima della fine dell'anno così potrò ridare i libri alla sua proprietaria.


Insomma ragazzi e ragazze, credo che settembre sarà un mese molto impegnativo per me e per i miei progetti di lettura, non so quante di queste letture riuscirò a portare effettivamente a termine ma, come successo per agosto, io l'intenzione e la speranza ce la voglio mettere, poi quello che succede succede, tanto sono libri che ho qui in casa e prima o poi li leggerò sicuramente.

Fatemi sapere se anche voi avete fatto dei progetti così ambiziosi per le vostre letture del rientro alla normalità e quali saranno i libri che vi accompagneranno in questa fine estate 2019.

Vi mando un grande abbraccio e vi auguro di fare delle bellissime letture!!! A presto!!!