lunedì 27 marzo 2017

GRAPHIC NOVEL "IL SUONO DEL MONDO A MEMORIA" di GIACOMO BEVILACQUA

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!


Eccomi di nuovo qui a parlarvi di Graphic Novel, mantenendo, anche per questo mese, l'appuntamento con questa nuova rubrica!

La storia di cui vi parlo oggi è molto particolare, e pur avendola letta qualche giorno fa, non sono ancora riuscita a capire se mi abbia soddisfatto oppure no!
Ve ne parlo nel post che magari le idee mi si schiariscono un po', Buona Lettura!!!




TRAMA: Sam ama sfidare se stesso. Questa volta lo fa anche per superare un momento buio della sua vita, decidendo di tornare a New York, il suo rifugio. Capendo la sua necessità, il suo amico e collega Jorge, dice a Sam di vivere nella città più caotica del mondo cercando di non parlare a nessuno per due interi mesi, ma le difficoltà di portare a termine questa sfida sono dietro l'angolo!


Titolo: Il suono del mondo a memoria
Autore: Giacomo Bevilacqua
Casa Editrice: Bao
Anno: 2016
Pag: 188
Prezzo: 21,00 euro






VALUTAZIONE: 



Questa volta mi trovo in seria difficoltà a parlare di questa Graphic Novel senza dire nulla di quello che succede nel volume, perché??? Perché è una storia composta da elementi talmente complementari l'uno all'altro che non so come potrei parlarvene senza fare macelli.
IL SUONO DEL MONDO A MEMORIA è un volume che tratta molte tematiche e lo fa attraverso la fotografia e la visione di una vita fatta di sensazioni.

La storia è quella di Sam, che conta fino a quattro in ogni momento della giornata e in ogni circostanza o azione che deve fare. Sam è un fotografo e adora New York, un amore talmente forte da fare di quella città il suo rifugio ideale ogni volta che la sua vita gli pone delle difficoltà o degli ostacoli che non sempre possono essere superati.
La partenza stavolta si fa ancora più interessante perché, oltre ad essere un viaggio di "recupero Umorale", per Sam diventa anche un'occasione per portare a termine una sfida, quella di riuscire a vivere per due mesi senza parlare a nessun essere vivente, tutto questo nella città più caotica e strabiliante che possa esistere.

Questa in soldoni la trama di una storia che, in realtà, è molto più ampia se si vanno ad analizzare tutti gli elementi che l'autore ci mostra nel fumetto e che io cercherò di non rivelarvi in maniera eccessiva, speriamo bene!

Come ho detto più volte non sono esperta di fumetti, Graphic Novel e tutto quello che riguarda il lato tecnico di questo mondo, ma ritengo che gestendo un blog in cui parlo delle letture che faccio nella mia vita sia, in un certo senso, "doveroso" parlarvi anche delle Graphic Novel che entrano a far parte del mio bagaglio di letture. Quindi, ammettendo la mia ignoranza in materia, vado avanti sperando di fare una cosa decente, ecco!

La cosa che mi è subito saltata agli occhi di questo volume, è l'idea molto tangibile di avere tra le mani la possibilità di conoscere uno spaccato della città di New York, questo è reso possibile attraverso le varie tavole paesaggistiche che l'autore realizza sia riprendendo i colori più o meno reali della città, sia attraverso il bianco e nero delle sue fotografie.






Sembra di essere veramente a Central Park in questa immagine, e questa è una delle cose che ho apprezzato di più del volume, la capacità di realizzare, con tratto fine, gli ambienti naturali o civilizzati, come nel caso delle vedute tra i grattacieli, che rendono ancora meglio l'idea di questa città. 
Per rimanere nell'ambito del tratto utilizzato, sicuramente ne ho apprezzato molto di più l'utilizzo per i paesaggi che non per la costruzione dei protagonisti e delle altre figure umane che incontriamo tra le pagine.
Questo sicuramente non va a rovinare la mia lettura, nel senso che non è una cosa che mi ha proprio dato fastidio, solo un gusto personale per i volti più caratterizzati e dettagliati che qui ci sono comunque ma non mi hanno colpito come con altri disegni.
Grazie alle sue tavole Bevilacqua ci dà la possibilità di immergerci nella città con le sue abitudini, i suoi grandi palazzi e grattacieli che sormontano la città, con la frenesia dei taxi gialli, dei caffè bevuti durante il cammino e la presenza costante degli alberi che sembrano essere custodi di una città che nasconde i segreti e misteri.







All'interno di queste rappresentazioni troviamo il nostro protagonista, Sam, che nel portare avanti la sua mission impossible di rimanere in silenzio per due mesi, si ritrova a fotografare la bellezza di New York e della varietà culturale ed etnica della città. Ma un giorno, proprio dopo aver ritirato alcune delle sue fotografie, nota che nei vari paesaggi in bianco e nero, c'è la costante presenza di una ragazza a colori che, in varie pose, si trova in tutte le fotografie da lui scattate, ma lui non si ricorda affatto di lei.

Una storia che si tinge di mistero, quindi, e che tinge la quotidianità di Sam con i colori della ricerca, della scoperta e dell'incredulità.






La storia che ci racconta Bevilacqua è quella di un uomo che cerca di ritrovare la serenità attraverso la visione del mondo che lo circonda tramite una lente fotografica che gli permette di fissare in uno scatto la bellezza del mondo. La fotografia diventa, non solo un lavoro, non solo un modo per guardare il mondo, ma anche uno strumento per sentirsi al sicuro e ritrovare, nello scatto, la certezza del ricordo di qualcosa che si è vissuto e che non può essere dimenticato.

Il ricordo e la memoria, come dice il titolo del libro, hanno un ruolo fondamentale nella vicenda, sebbene la sua particolare spiegazione, in tale senso, ci viene data dall'autore solamente alla fine del volume. Accanto al ricordo e alla memoria c'è una buona dose di casualità quasi assurda e surreale, che fa di Sam un ricercatore "spaventato" a volte!
Ci troviamo, infatti, a vivere con Sam l'assurdità, ma non troppo, di vivere una sorta di "persecuzione" positiva che si va a scontrare con la realtà che Sam vive, fatta di un ricordo in particolare che lo fa andare avanti.

Bevilacqua unisce meraviglia e incredulità ad una storia molto delicata, a mio avviso, in cui, come ho detto, il ricordo è l'elemento portante.
Non starò qui a dirvi come mai si parla di memoria e di ricordi, ma spero di avervi istillato un po' di curiosità nel recuperare quest'opera molto particolare nella sua evoluzione. 


Per quanto mi riguarda sicuramente è un'opera che mi è piaciuta ma non so fino a che punto, la sufficienza l'ha raggiunta e ci sono molte cose che mi sono piaciute.
La storia è difficile da raccontare senza fare anticipazioni, quindi dovrete accontentarvi di questo parere un po' "superficiale" anche sui due personaggi che costruiscono la vicenda.
Spero di non aver fatto troppi discorsi privi di senso e che le mie parole possano incuriosirvi.
Io, dal canto mio, devo confessarmi che inizialmente non ci ho capito molto di tutto quello che succede ma poi alla fine si scopre tutto e si riesce a vedere tutta la narrazione in modo diverso!

Bene amici, io anche per questo mese vi ho raccontato la mia esperienza con questa Graphic Novel. Sto cercando di variare le tematiche anche in questo genere di lettura così da non rendere monotono questo appuntamento mensile e spero lo apprezziate.
Adesso vi saluto che ho da preparare altri post, fatemi sapere se avete letto questo titolo e cosa ne avete pensato.
Vi saluto, vi mando un abbraccio e vi auguro di fare bellissime letture!!! Ci rileggiamo tra un  mese con questa rubrica...

4 commenti:

  1. Bellissima recensione!! Anche se non ti ha convinta del tutto, a me l'idea sembra davvero intrigante e le tavole che hai riportato affascinanti. C'è un senso palpabile di malinconia, di solitudine, di riflessione. Insomma, pochi scorci ma ben piazzati, a mio parere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :-) Fa sempre piacere sapere di aver raggiunto uno scopo con quello che scrivo! Le sensazioni sono giuste ma non potevo dirvi tutto sennò la curiosità non veniva eh eh... Sono contenta anche di questo!

      Elimina
  2. L'idea del non parlare a nessuno per due mesi è molto particolare...
    Mi viene voglia di leggerlo...
    Ho appena scoperto il tuo blog e mi sono unita con molto piacere ai tuoi lettori fissi!
    Se ti va di ricambiare ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BENVENUTA NEL MIO ANGOLINO e GRAZIE per esserti iscritta verrò a trovarti sicuramente :-)
      E' una Grafic Novel particolare e che trasmette molte sensazioni, se ne avrai l'occasione leggila :-)

      Elimina